• Posts Tagged ‘pink’

    Casa Equis tra sabbia e mare…

    by  • 17 luglio 2012 • Architettura, ColorWhat? • 0 Comments

    Questa è Casa Equis, un edificio situato a La Escondida Seashore, in provincia di Cañete, Perù. La villa era una sfida accolta dagli architetti  Barclay & Crousse e dispone di un design unico e molto affascinante. La costruzione tende ad avere una sua personalità e un carattere che sembra predominare sull’ambiente ma che non fa altro invece che adattarsi, riuscendo ad integrarsi con esso. Tanto è vero che noi di Colorwhat, siamo colpiti da come i colori degli ambienti interni riflettano i colori dell’ambiente esterno! Muovendosi tra gli spazi interni troviamo sempre delle “quadrature” delle aperture che inquadrano il mare o il paesaggio e che lasciano entrare la luce sfumata del blu del cielo e del mare.

    La villa potrebbe essere descritta come una sequenza di spazi interni ed esterni che si fondono armoniosamente . La struttura e il design e lo stile di questa dimora sono stati anche influenzati dai problemi climatici e le caratteristiche geografiche della costa peruviana.

    L’esterno del palazzo presenta un colore sabbia che nasconde visivamente la residenza e lo confonde con il paesaggio, nonostante i suoi volumi ben evidenti.

    L’interno del la dimora è invitante, intimo e accogliente. Dispone di ampie vetrate che permettono viste panoramiche, come abbiamo detto, e c’è anche una bella e grande-terrazza con una magnifica piscina sospesa che si estende in direzione del mare, che è senza dubbio il fattore più notevoli di questa residenza. Maggiori informazioni su Arch Daily…ad avercela una casa al mare così vero? :P

     

    Olarra Winery Center by IA+B Architects

    by  • 23 giugno 2012 • Architettura, ColorWhat? • 0 Comments

    Olarra Winery Center by IA+B Architects è situato in Logrono, Spagna, all’interno della struttura di un edificio industriale. L’obiettivo del progetto si pone nel definire un coinvolgimento con la struttura esistente e allo stesso tempo di relazionare il visitatore agli odori e ai sapori degli ottimi vini di OLARRA. L’atmosfera che bisognava creare richiama, come vedete dalle foto, una particolare attenzione all’uso del colore, che evoca quello del vino, e che rilassa il visitatore che ha quasi l’illusione di trovarsi in un altro “ambiente”. La struttura industriale che ospita l’istallazione però non viene mai dimenticata, perchè riflessa dai vetri degli stand colorati.

    Formalmente, l’atrio ha una forma esagonale, un aspetto che è stato rafforzato dal nuovo progetto.  Al piano terra, vi è una zona commerciale, uno spazio degustazione, e uno spazio espositivo, e una scala, situata in corrispondenza dell’asse del volume dell’edificio preesistente assume un valore di “connessione” dei due ambienti compresenti. Al livello superiore quindi vi sono ancora zone degustazione, una sala conferenze e spazi per uffici che si affacciano sulle superfici vetrate degli spazi sottostanti. Do you like it?

     

    Primavera 2012: torna il rosa cipria.

    by  • 21 febbraio 2012 • ColorWhat? • 1 Comment

    Pinky ears è decisamente lieta di annunciarvelo! :D Il powder pink, il rosa cipria, o carne, il tortora, il rosa antico, o come cavolo volete chiamarlo, torna con discrezione nella primavera 2012, su abiti, capispalla e deliziosi accessori di lusso. Must have per il secondo anno consecutivo! Yeah!

    1

    Un colore usato soprattutto nelle calzature, siccome, a quanto pare, questa meravigliosa tonalità è capace di slanciare la vostra gamba e farvi apparire più magre (wow! e me lo dite solo ora?).

    2

    l cipria è il nuovo nero, dice qualcuno? Può darsi che non si sbagli, perché pare proprio che un colore del genere possa abbinarsi perfettamente a qualsiasi capo e, quindi, fungere, da colore neutro al pari del bianco, del nero, del beige e così via…
    Insomma, il powder pink ha sbancato sulle sfilate della prossima primavera/autunno a partire da Chanel con linee essenziali, con un abito punteggiato di perle e accessori argento.

    3

    Christian Dior, invece, strizza l’occhio agli anni ’50 e propone eleganti silhouette con gonne a palloncino rosa pallido e giacche che sottolineano il punto vita nel tradizionale check nero e bianco per il daytime mentre la sera kilometri di organza e dentelle avvolgano morbidamente la figura femminile. Valentino sceglie di lavorare i tessuti più impalpabili come il macramè, lo chantilly e il pizzo in adorabili colori neutri tra cui spicca il cipria. Mentre Blugirl punta a top asimmetrico e gonna vaporosa a vita alta, più accessori pendant e cinturina che segna il punto vita con un tenero fiocchetto rigido.

    3

    4

    5

    7

    Life less serious, Pinky ears.