• About Pinky ears

    Pinky ears, orecchie rosa, come quelle di un candido coniglio bianco di Vienna. Curiosa e riservata, gran pigrona e scatenata. Come dite? Vi sembra la descrizione caratteriale di un coniglio? Beh, ma in fin dei conti, mi mancano solo le orecchie e i dentoni per esserlo! Life less serious è la mia parola d'ordine: osare senza esagerare, essere sempre originali e pensare con la propria testa, prendere la vita con meno serietà!

    Nuova sezione: YOUR COLORS

    by  • 6 dicembre 2011 • YourColors • 0 Comments

    Novità per i fans:

    Da oggi è possibile inviare un proprio scatto colorato direttamente sul sito e, dopo la valutazione degli admins, verrà pubblicato sul blog nella sezione YOUR COLORS! ;) Basta cliccare sul banner nella home o su questo link.

    Cosa aspettate? Mostrateci il vostro mondo colorato!!!

    Life less serious, Pinky ears.

    Green Pedestrian Crossing | Jody Xiong – DDB China.

    by  • 24 agosto 2012 • ColorWhat? • 0 Comments

    grren pedestrian crossing, jody xiong, color what.

    Green Pedestrian Crossing è un’installazione / performance di Jody Xiond dell’agenzia creativa cinese DDB. Nel tentativo di attirare l’attenzione degli abitanti del paese, la China Environmental Protection Foundation, l’ente per la tutela ambientale, ha affidato alla DDB lo sviluppo di una campagna che inviti i cittadini ad abbandonare la macchina per camminare.

    Installata ai margini di un intersezione pedonale dove automobilisti e pedoni si incrociano, l’installazione, grazie a due cuscinetti di spugna imbevuti di vernice lavabile e ad asciugatura rapida consente ai pedoni didisegnare con le proprie scarpe la chioma di un albero sul manto stradale.

    Inizialmente posizionato su sette strade principali di Shanghai il progetto è stato ampliato successivamente su 132 strade in 15 città della Cina, permettendo di partecipare alla performance più di 3,920,000 persone.

    Immagine anteprima YouTube

    La Bubble Building: un edificio di bolle di sapone.

    by  • 9 luglio 2012 • Architettura, ColorWhat? • 0 Comments

    Nell’ ambito della Biennale di architettura internazionale di Rotterdam, il team di designers olandesi Dus ha creato la costruzione effimera per antonomasia: chiamato Bubble building, il padiglione è stato concepito per essere fatto esclusivamente da bolle di sapone.

    bubble building rotterdam color what

    Situata nel centro di Rotterdam, la particolare installazione è costituita da 16 piccoli laghetti artificiali di 35 metri quadrati in forma di esagono, la stessa delle caratteristiche bolle di sapone per bambini. Il padiglione compare solo grazie ai visitatori, che, in stivali di gomma, impugnano i manici e creano surreali pareti trasparenti di sapone, una diversa dall’altra e dall’effetto arcobaleno per la luce che si riflette in esse.

    bubble building rotterdam color what

    bubble building rotterdam color what

    bubble building rotterdam color what

    La Bubble building stimola l’interazione fra i visitatori e crea uno “show istantaneo” che si amplia man mano che le persone aumentano.
    I temi su cui l’installazione creata dal team di Dus riflette, però, sono tutt’altro che “effimeri”. E’ un riferimento all’attuale bolla economica e alla mancanza di certezze, una sensazione reale dovuta alle difficili condizioni economiche globali.

    bubble building rotterdam color what

    Life less serious,
    Pinky ears.

    “Blocchiamo” i ricordi estivi con Johnny Hermann.

    by  • 19 giugno 2012 • ColorWhat? • 0 Comments

    1

    Johnny Hermann, artigiano e designer milanese, ha pensato bene di ricreare la multicolore magia estiva del ghiacciolo, uno degli oggetti di design minimale più dolci della storia, in legno. Il suo progetto si chiama Wooden Posicle, dove i ghiaccioli sono stati divisi per tipo di legno impiegato e accostamento cromatico .

    2

    3

    5

    Tutto nasce da una frase detta per scherzo con un’amica la scorsa estate: “stavamo condividendo un ghiacciolo che si scioglieva molto velocemente ed io mi dissi che se fossero fatti interamente in legno – non solo lo stecco – probabilmente durerebbero molto più a lungo. Il nome Wooden Popsicle vuole essere un omaggio al sogno di un bambino che per diversi anni – a San Francisco agli inizi del ‘900 – mantenne in segreto una sua invenzione, finchè da adulto, la brevettò e fondò il più grande impero dei gelati confezionati, Popsicle appunto.”

    6
    Come potete vedere, i wooden popsicle sono tutti pezzi unici e numerati, inutili quanto belli e viceversa, 150 in totale: interi, un po’ sciolti, oppure morsi.

    Berlino vista da Matthias Heiderich.

    by  • 12 giugno 2012 • ColorWhat?, Fotografia • 2 Comments

    Oggi mi sono imbattuta in queste splendide foto ricche di colori di Matthias Heiderich, un fotografo berlinese. Siccome si avvicinano le vacanze e sarete alla ricerca di mete in cui rilassarvi, per coloro che amano particolarmente visitare, piuttosto che stare sulla sdraio a prendere il sole, penso che queste foto possano far pendere l’ago della bilancia verso Berlino.

    1

    2

    3

    4

    5

    Non c’è bisogno di parole: basta solo scegliere se inforcare gli occhiali da sole per le sfolgoranti giornate di sole, cielo terso, colori brillanti, campiture di colore splendenti; abbottonarsi il parka e addentrarsi scivolando nella bruma argentata dell’autunno, o dorata del tramonto, oppure camminare a piccoli passi nella neve silenziosa e abbagliante, e immergersi nelle sue fotografie strepitose.

    6

    8

    9

    I colori di Berlino sembrano esplodere davanti agli occhi dello spettatore.

    1

    2

    3

    5

    Primo contest fotografico di ColorWhat?

    by  • 3 giugno 2012 • ColorWhat? • 1 Comment

    1

    Partecipate al COLOR SHOTS: Primo contest fotografico di ColorWhat?.

    TEMA:

    “Io vedo alberi verdi e anche rose rosse
    Li vedo sbocciare per me e per te
    E penso tra me, che mondo meraviglioso!
    Vedo i cieli blu e nuvole bianche
    Il chiaro e benedetto giorno e la sacra notte scura
    E penso tra me, che mondo meraviglioso!”

    Le foto possono essere scattate con qualsiasi mezzo fotografico: macchine analogiche, digitali, cellulari, filtri colorati, insomma usate la fantasia!

    PER PARTECIPARE:
    - devi essere fan della pagina ColorWhat?;
    - condividere questo post sulla tua bacheca;
    - inviare la tua foto qui, provvederemo a pubblicarla nell’apposito album sulla pagina fan di facebook:http://www.colorwhat.it/upload
    - gli amministratori, qualora non riterranno la foto adeguata al tema, si riservano il compito di dichiararla “fuori tema”;
    - vince chi riceve più “mi piace”;
    - coloro che mettono “mi piace” alla vostra foto, DOVRANNO PRIMA METTERE “MI PIACE” ALLA PAGINA DI COLOR WHAT? (se non sono già fan), in caso contrario il voto non sarà valido.

    SCADENZE:
    - invio foto, 10 giugno;
    - voto, 17 giugno.

    PREMIO: La foto che riceverà più “mi piace” (saranno validi solo i voti di coloro che sono fan della pagina) si aggiudicherà due portachiavi in Pyssla, uno a forma di macchina fotografica, l’altro con la bandiera del UK, per rendere omaggio alle Olimpiadi di quest’anno.

    Alberto Furlani – Pop City.

    by  • 3 giugno 2012 • ColorWhat?, Fotografia • 1 Comment

    1

    Pop city è una raccolta di fotografie a colori di Alberto Furlani, effettuate tra i tanti viaggi per tutta Europa.
    Appassionato camperista, Furlani ha viaggiato e viaggia in lungo e in largo per l’Europa insieme alla moglie. Foto in cui vengono messe a confronto persone, architetture e frammenti con i colori. Colori forti, saturi di blu, di rosso, di arancione e di nero, colori che danno profondità e spessore ad una serie di immagini scattate con disciplina creatività per tracciare un percorso visivo insolito nel quale l’osservatore si immedesima ben presto come se una fantasia fosse realtà da toccare con gli occhi.

    2

    3

    4

    “Ciò che mi colpisce sono le situazioni coloristiche ambigue, del visto e non visto, del detto e non detto, che transitano velocemente per un attimo. In questo vissuto si tratta di cogliere l’immediatezza delle situazioni, immediatezza che deve dare ad esse un significato, sia dal punto di vista coloristico sia formale”.

    Jean Paul Gaultier veste la Diet Coke.

    by  • 17 aprile 2012 • ColorWhat? • 0 Comments

    Stavolta è toccato a Gaultier ideare il nuovo design per la Diet Coke. Con grande entusiasmo ha interpretato, secondo i suoi canoni, il nuovo style delle bottigliette della Coca Cola Light e ha iniziato a lavorare attivamente per promuovere il marchio. Il suo ultimo lavoro in questa direzione è stata una pubblicità molto divertente e originale, divisa tra set fotografici e video.
    Nel primo caso si tratta di immagini in cui la modella porta davanti al viso una foto di Jean Paul in modo che sembri sia lui in vestitino e sui tacchi a sorseggiare la bevanda dalla sua bottiglia elegante.

    2

    3

    4

    Come vi ho già detto, la campagna pubblicitaria di Limited Edition di bottiglie e lattine della nota bevanda sarà anche composta da cortometraggi promozionali che vedranno Gaultier indossare ipanni del terapista, del giornalista e di un “private doctor”.

    1

    2

    3

    Life less serious, Pinky ears.

    LeCo.

    by  • 25 marzo 2012 • ColorWhat? • 0 Comments

    Ideato dallo studio di design italiano Flussocreativo, ‘Leco’ è un sistema di econtenitori di stoccaggio per la raccolta differenziata dei rifiuti, che utilizza l’aspetto e la funzionalità d’incastro dei blocchi LEGO. Il loro design consente ai moduli di essere impilati in modo stabile in diverse configurazioni, proprio come le costruzioni con cui giocavamo da piccoli. Infatti , non solo il nome, ma anche la forma è stata utilizzata proprio per rendere più “divertente” e creativo l’attitudine al riciclo.

    1

    2

    3